Surflex – Le frizioni Made in Italy

Breve storia dell’unica industria italiana che si occupa solo di frizioni

Quando Giuseppe Rimoldi, nel 1950, metteva le basi dell’attuale Surflex, stava iniziando a realizzare il suo sogno di dedicare alle frizioni la sua precedente esperienza nella meccanica.

Immaginava già frizioni centrifughe e a dischi per la nascente industria motociclistica italiana del dopoguerra; c’erano fabbriche di aerei da riconvertire – Aermacchi, Aerocaproni e Piaggio – e c’era un gran bisogno di veicoli agili ed economici per il trasporto di cose e persone. Così era incominciata l’epopea Italiana! I cinquantini di Morini e Minarelli motorizzavano i telai di valenti e ingegnosi produttori; nel frattempo, la Piaggio lanciava la Vespa, che ancora oggi desta l’interesse dei collezionisti e la fantasia degli ideatori di “modifiche”.

Un cartello della collezione Fisogni

In quel clima di rinascita, la Surflex iniziava la sua attività, mossa dal fervore e dalle capacità del fondatore e stimolata anche dai contatti con grandi personalità; tra questi, Lino Tonti, Vittorio Minarelli, Franco Morini, Carcano, Todero, Helmin, Wolf e Sucker, i fratelli Benelli, Taglioni, Lambertini, Magni e Corrado Agusta, Villa, Morbidelli, Miglioli, Marconi…

In questo rapido sviluppo, importanti furono le attività con le moto inglesi e tedesche; ciò destò anche l’interesse di Soichiro Honda e della nascente industria giapponese.

Nel 1967 fu realizzato il primo disco sinterizzato, sperimentato sulla MV Agusta del campionissimo Giacomo Agostini!

Negli stessi anni, tante piccole aziende agricole si modernizzavano; si sentiva l’esigenza di sostituire gli attrezzi a trazione animale con macchine moderne e di ridotte dimensioni, da usare in terreni ristretti e non pianeggianti. La Surflex si lanciò anche in questo campo; nacquero così nuove frizioni coniche e a dischi da dedicare a macchine per colture specifiche come vigneti, oliveti e frutteti in tutto il mondo.

Ducati, Benelli, Moto Guzzi, MV Agusta, KTM, Morbidelli, Maico, Laverda, Moto Morini, Zündapp, SWM, Malanca, Puch… la Surflex offriva i propri gruppi frizione alle fabbriche di tutta Europa!

L’azienda, nel frattempo, metteva a punto nuove tecniche e nuovi materiali, che attirarono l’attenzione dei reparti corse di diverse case automobilistiche e motociclistiche – inclusa l’Alfa Romeo. L’attività si espanse in nuovi settori come macchine utensili, imbarcazioni, kart, macchine movimento terra e autogru.

Così la gamma si arricchiva fino a raggiungere i circa 15000 articoli odierni, tutti studiati e prodotti in Italia direttamente dalla Surflex; una storia lunga 70 anni che recentemente ha portato a Surflex il riconoscimento di Marchio Storico.

L’azienda ha mostrato anche un importante attenzione al territorio e alla cultura, sostenendo nel 2022 la “Giornata dei Motori” organizzata dal Museo Fisogni per celebrare l’adesione del Comune di Tradate all’importante realtà di Città dei Motori.

Iscriviti alla newsletter

    Registrandoti, accetti l'informativa sulla privacy


    Seguici sui social
    Convenzionato con